Suona in modo incredibile! Alcuni sistemi audio davvero dolci che colpiscono la nota giusta.

diadmin

Nel blocco di uffici dove lavoravo, passavo regolarmente davanti ai locali di The Listening Room, senza mai vedere l’attività apparentemente aperta. “Siamo sempre aperti”, ride il proprietario Rod McKelvey, “ma ci piace tenere la porta chiusa. Non ci piace che la gente entri chiedendo ‘Cos’è questo o quello?’ – questa è la verità”.

C’è molto da chiedere. Streamer musicali, amplificatori, preamplificatori, amplificatori di potenza, giradischi, lettori CD, diffusori, cuffie, cavi, accessori: il mondo dell’apprezzamento della musica e della tecnologia del suono ad alta fedeltà per un audiofilo è enormemente diversificato e altamente specializzato. E, come imparerò, è accattivante.

The Listening Room ha circa 30 marchi. Tutti sono prodotti esclusivi, ma alcuni, come i giradischi Kronos, sono ultra-premium, e altri, come i bracci per giradischi Mørch o le testine Grado, sono componenti di nicchia nella nicchia. McKelvey non vuole parlare di prezzi. “Si tratta di persone che hanno una passione per la musica e che sono disposte a spendere per essa”. Condividere la sua passione significa accompagnarmi nella sala d’ascolto di The Listening Room.

Tech it out: Eleva il tuo gioco di gadget con questi dispositivi di lusso

L’a cappella Don’t Worry Be Happy di Bobby McFerrin non sarebbe stata la mia prima scelta per apprezzare le sfumature di un sistema complesso. Ma sono illuminato – in realtà, sono sbalordito. Sento nuove dimensioni nella musica: un effetto percussivo che batte i piedi e un altro ritmo acuto che potrebbe essere un finger-clicking. E, notevolmente, i piccoli respiri di McFerrin o le pause frazionatamente fuori tempo sono percepibili nelle linee fischianti del coro. Le sensazioni uditive mi fanno sorridere – e sì, mi rendo conto di essere felice. Questa è la musica come deve essere ascoltata – dall’autore, dai musicisti, dai tecnici del suono. Da Dio, forse.

Chiusure e coperture

Molti amanti della musica sono arrivati ad apprezzarla ancora di più nell’ultimo anno. “Per me la musica è sempre stata un rifugio, un giardino che ha fiori per ogni stato d’animo – ancora di più nei tempi strani di Covid-19, con più solitudine di prima”, dice il mio buon amico, audiofilo e direttore finanziario, Jerry van Alphen.

Così, anche se la pandemia globale ha tagliato le opportunità di dimostrazione fisica dei rivenditori di sistemi audio premium, il maggior tempo a casa ha anche portato le persone a rivalutare le loro opzioni di intrattenimento, e ad aggiornare o estendere attraverso nuove installazioni. Jeandré Botha, proprietario di The Audio Visual Boutique, con sede a Pretoria, conferma un’impennata di richieste. E anche se Joachim Spelling ha dato meno dimostrazioni, il 2020 è stato il suo anno migliore per gli affari a Thirteen Audio and Art a Città del Capo.

Onde d’emozione

Cosa si sente quando si ascolta la musica su un sistema R7m-R8m? Su Stimela (The Coal Train), quando la tromba di Hugh Masekela ti trafigge il cervello e le percussioni tuonano nel tuo corpo.

“E quando sentono quel treno Choo-Choo / A-chugging, and a-pumping, and a-smoking, and a-pushing / A-pumping, a-crying and a-steaming and a-chugging and / A whooo whooo! / Imprecano sempre, e maledicono il treno del carbone / Il treno del carbone che li ha portati a Johannesburg / Whooo whooo!” si trasforma in una sensazione viscerale dei lavoratori migranti che perdono la loro anima sul treno sfortunato. Il sistema aiuta a creare una connessione umana con l’artista, approfondendo la comprensione di ciò che Masekela sicuramente intendeva quando ha composto la canzone.

Spelling sembra leggermi nel pensiero: “Questo lo compri per te stesso, non è uno status symbol. È per l’ultima esperienza di sentire la musica.”

Non c’è soddisfazione

Ma gli audiofili, ho anche scoperto, sentono la musica su un piano diverso. Amano la sperimentazione, e la metamorfosi del suono suonato su sistemi diversi. I chat forum e i social media sono disseminati di gergo tecnico, una lingua straniera per i lettori disadattati. Scrive un seguace sulla pagina Facebook della CelestialSounds di Stellenbosch: “Ho un lp12 con braccio ittok2 + cuscinetto circus + carrello audio technica-oc9 + psu Hercules Muse. Quale direste che è la sostituzione, forse un leggero upgrade, della testina oc9?”

Per una correzione più profonda, i siti web audiofili portano una moltitudine di recensioni, blog, approfondimenti e opinioni. Chiaramente, soddisfare i sensi uditivi significa anche leggere tutto ciò che riguarda l’esperienza.

Avere i dischi, avere bisogno del giradischi

Il ritorno del vinile comporta la necessità di un giradischi. Alcuni sembrano eleganti e belli; altri, con molti bracci simili a mantidi religiose, appaiono bizzarri. Ma gli esperti sono irremovibili: i principali produttori concentrano l’artigianato sulle prestazioni.

Una piccola azienda canadese, Kronos, produce solo due modelli, lo Sparta e il Pro. L’azienda intendeva produrre un numero limitato di soli 250 Pro nel 2014, ma la sua popolarità ha spinto Kronos ad aumentare la produzione – e al prezzo di 42.500 dollari sembra che ci sia disponibilità direttamente dal produttore. Anche se potrebbe valere la pena di fare una pausa: Kronos ha annunciato l’intenzione di lanciare un nuovo modello di punta, il Discovery, più avanti nel 2021.

Fedele al suo nome, Thirteen Audio and Art ha una splendida arte alle pareti. Ma mi colpisce di più la collezione di musica evidentemente ben ascoltata, apprezzata e diversificata. I CD sono sparsi sui tavoli; i dischi sono appoggiati sul pavimento contro i supporti di base dei giradischi; le copertine degli album sono aperte in segno di immersione nei dettagli della registrazione, nei testi o nell’artwork.

Come The Listening Room, Spelling consiglia e tratta nella fascia alta. I prezzi di alcuni componenti sono un’accoppiata che fa strabuzzare gli occhi per la loro bellezza progettuale. Questi sono sistemi audio che trasformano un salotto in un’oasi di lusso. Ma l’esperienza visiva è una delizia secondaria. Ciò che un amante della musica desidera, dopo tutto, è la musica.

E così, in una progressiva festa sensoriale, mi viene offerta una serie di sessioni d’ascolto in sezioni separate dello studio dove sono installati diversi sistemi. Sono tutti più che impressionanti, ma c’è un elefante nella stanza, impossibile da non guardare con meraviglia, che Spelling lascia per ultimo. Il pièce de résistance è gigantesco, e finalmente ci sistemiamo davanti ad esso.

Il giradischi, un Clearaudio Statement v2, è nella lista della pubblicazione online inglese What Hi-Fi? dei 10 giradischi più costosi del mondo. Spelling lo ha collegato a un sistema di diffusori a tromba a tre vie Avantgarde Trio con il suo corrispondente triplo stack, subwoofer attivi “Bass-horn”, e due amplificatori monoblocco Gryphon – uno per il canale destro e uno per il sinistro. (Questo vi fa sentire il basso nelle ossa.) Oh, e gli stessi cavi di alimentazione Gryphon sono importanti – e costosi: tutto il cablaggio necessario per questo tipo di sistema “money-is-no-object”, comprando solo il meglio, può costare fino a 50.000 dollari.

Nell’insieme, è una scultura surreale; inelegante, forse, ma chiaramente un dio dell’audio potente.

BETTERE IL SUONO DI CUI AVETE BISOGNO

Controllo del volume

Il guru tecnico di The Listening Room, Craig Scholz, giura che gli specialisti svizzeri Nagra producono gli amplificatori “ape-knees”. Il Nagra Classic Amp è una potenza solida e imperturbabile. Ma ha un aspetto, beh, convenzionalmente svizzero. Per qualcosa che fa anche una dichiarazione d’arredo, considerate l’Union Research Absolute 845, i cui splendidi, spettrali tubi a vuoto illumineranno qualsiasi spazio lounge. A circa 340.000 R, è garantito per creare soggezione sia visiva che uditiva.

Sound For Life

Nello showroom, si presenta: l’esperienza è coinvolgente. È giusto per i devoti che vogliono ascoltare la musica per la sua purezza così come per apprezzare la magia dei componenti di un sistema? Chiaramente no. Ma, mentre gli appassionati dell’audio di fascia alta possono farsi beffe dei sistemi che incorporano usi di intrattenimento più ampi, il Lifestyle 650 può essere perfetto per le famiglie che vogliono semplificare la messa a punto e fondere il piacere dell’ascolto con la televisione di tutti i giorni o le opzioni di visualizzazione dei film.

Suono soddisfacente in ogni tipo di forma

Gli altoparlanti si confondono nello spettro forma/funzione. Questo non significa che i modelli Avantgarde, stravaganti e artistici, non siano diffusori superbi; né che i progetti Harbeth, tranquillamente composti e sobri, non vi lasceranno a bocca aperta. (Garantito, con un patrimonio di 40 anni legato alla divisione di ricerca ingegneristica della BBC, lo faranno). Ma per la bellezza con sostanza potrebbe essere difficile eguagliare il sensuale stile scandinavo del marchio canadese Tomei. Blocchi scolpiti di acrilico montati su supporti di legno di noce, nei toni dell’onice o del grigio fumo, questi futuristici oggetti del desiderio offrono un suono formidabile.

Digital Delight

Gli streamer di musica digitale (DMS) sono un’estensione più recente delle apparecchiature audio, che sfruttano le tecnologie internet-of-things, cloud e streaming. Piattaforme come Apple Music, Tidal e Spotify sono spesso incorporate nel firmware, fornendo accesso a una vasta libreria musicale. E con un amplificatore incorporato e molteplici opzioni di connettività, non c’è da meravigliarsi che le unità DMS premium, come la coccarda blu Cary Audio DMS-700, siano chiamate sistemi all-in-one (AiOS), e siano accolte anche dai tradizionalisti impegnati tra gli audiofili.

Gli amanti seri della musica con un budget locale potrebbero valutare il Cyrus One Cast. Semplice, compatto e abilitato all’assistenza vocale, se accoppiato con altoparlanti da scaffale di qualità, fornirà una soluzione musicale di qualità superiore a partire da R50.000.

Piacere d’ascolto

Se questo porta la musica più vicina all’ascoltatore è discutibile. È vero, però, che grandi spese incrementali non daranno necessariamente un aumento commisurato della qualità del suono – o del piacere d’ascolto. Quanto è sufficiente, allora, e a che punto i soldi extra sono solo una questione di spettacolo e non di sostanza? Nessuno degli esperti con cui ho parlato ha dato una risposta definitiva. Ma posso offrire una prospettiva dopo aver ascoltato molta musica, attraverso molti generi, su molti di questi favolosi componenti e sistemi ispiratori: R5m fanno un’esperienza diversa da R50.000.

La decisione può dipendere dalla profondità del significato che la musica aggiunge alla vostra vita. A volte piangete quando l’ascoltate, o trovate che la musica scateni ricordi incancellabili? Bene, allora sei un audiofilo, e ti meriti il miglior sistema che puoi permetterti.

Il mio consiglio? Stabilite un budget, trovate un rivenditore esperto e costruite un rapporto di fiducia in modo da avere un’ampia comprensione delle opzioni. Se permettete al consulente di capire quali generi musicali amate e i formati che ascoltate, e di aiutarvi a plasmare il vostro ambiente d’ascolto, un budget non è necessariamente un ostacolo per sperimentare nuovi livelli di piacere d’ascolto.

E non lasciatevi intimidire. Gli audiofili sono spesso dei paroloni nell’articolare la tentazione di ciò che è possibile. Ma il luccichio dei loro occhi tradisce un senso dell’umorismo per alcuni dei costi sbalorditivi dei componenti. In definitiva, un sistema ha bisogno solo di una sorgente – una combinazione di giradischi, lettore CD o streamer – un amplificatore e due diffusori. McKelvey riassume il tutto: “La musica prima di tutto.”